Post

Visualizzazione dei post da Luglio, 2021

Biscotti alla farina di sorgo, cocco, cioccolato, pistacchi e vaniglia

Immagine
 Per 12-14 biscotti - 125 gr. di farina di sorgo - 125 gr. di cocco essiccato grattato - 85 gr. di olio vergine di cocco - 70 gr. di zucchero semolato - 1\2 bacca di vaniglia, semi - 1 uovo grande - Granella di pistacchi - 2 cucchiaini abbondanti di lievito - 35 gr. di cioccolato fondente al 70% - Poco sale Aprire il baccello ed estrarre i semi, lasciarli in infusione nell'olio di cocco per mezz'ora. Riunire zucchero, olio e uovo in una ciotola, portare il tutto a cremina uniforme. Aggiungere la farina ed il lievito, incorporando a più riprese, unicamente setacciando (trama fine). Continuare con il cocco, il sale, il cioccolato tritato e la granella di pistacchi. Preparare una leccarda, rivestirla di carta forno, creare delle palline leggermente più grandi di una polpetta, porle in leccarda, schiacciarle e riassettarle a formare dei tondi più o meno precisi. Cuocere in forno ventilato, prima a 140 gradi per non più di 9-10 minuti, poi proseguire per altri 5 a 175 gradi. Consuma

Vialone nano al latte di cocco con code di gambero rosso marinate al lime, menta e bacche di Schinus. Speck affumicato croccante

Immagine
 Per 4: - 320 gr. di vialone nano - Un trito di mezzo spicchio d'aglio ed 1\3 di cipolla bianca - 600-800 ml. di latte di cocco - 12 code di gambero rosso - 2 lime - Delle foglie di menta - Delle bacche di Schinus - 8 fette di speck affumicato - Olio evo, sale e pepe qb. Eliminare i carapaci dei gamberi rossi e l'intestino con una pinza, ricavare il succo dai lime, tagliuzzarvi delle foglie di menta, aggiungere delle bacche di Schinus; porre a marinare i gamberi per circa mezz'ora, quindi saltarli molto velocemente in padella antiaderente con poco liquido della marinatura; aggiustare di sale e pepe (eventualmente potrà essere preparato un fumetto con i carapaci per allungare parzialmente la cottura del risotto). Sempre in una padella antiaderente rendere croccanti le fette di speck affumicato, quindi tagliarle a striscioline. In una pentola di terracotta temperata soffriggere poco trito di aglio e di cipolla bianca, aggiungendo delle foglie di menta finemente spezzettate e

Biscottone gelato allo yogurt greco, miele di fiori d'acacia, vaniglia, pistacchi e frutti

Immagine
 - 350 gr. di yogurt greco intero - Frutti: kiwi zesprigold, mirtilli, lamponi, more - 1 cucchiaio e 1\2 di miele di fiori d'acacia - Semi di 2\3 di baccello di vaniglia - Granella di pistacchi Amalgamare lo yogurt greco e il miele di fiori d'acacia, aggiungervi i semi del baccello precedentemente aperto e svuotato. Tagliare a fettine sottili il kiwi. Foderare con carta forno una leccarda, stendervi uniformemente la crema di yogurt e la frutta, spolverando con la granella di pistacchi. Porre in freezer per almeno due ore, servire il biscotto stemperandolo per un poco a temperatura ambiente.

Il fattore cristianesimo e l'identità alimentare europea

Immagine
 [...] Come bevanda hanno un liquido ricavato dall'orzo o dal frumento, fermentato in modo analogo al vino. [...] Il loro cibo è semplice: frutti selvatici, selvaggina appena cacciata, latte cagliato; riescono a soddisfare la fame senza elaborati preparativi e senza ghiottonerie. Nelle parole di Tacito si palesa, molto tempo prima della caduta dell'Impero romano d'Occidente, il modello culturale e gastronomico di coloro che avrebbero segnato le sorti dei territori occidentali europei per molti secoli: popoli di origini germanica e dacica si sarebbero avvicendati occupando queste zone a più riprese, per diverso tempo e per svariati motivi, spingendosi sempre più a sud-ovest. Nel 476, con la deposizione di Romolo Augusto per mano del barbaro Odoacre, i fasti di epoca romana sono solamente un lontano ricordo, si realizza un nuovo percorso in una società ormai pienamente in decadenza, pronta ad essere grandemente rimodulata.  Il punto di partenza lo si deve ricercare sondando i

Linguine di limone e pepe con salicornia, veraci, gamberetti e bacche di Schinus

Immagine
 Per 4 - 320 gr. di linguine di limone e pepe rosa (impasto) - 400 gr. di salicornia - 300 gr. di vongole veraci - 200 gr. di gamberetti - 12 pomodorini ciliegino - Pochissimo trito di cipolla bianca ed aglio - 1 peperoncino - 1 spicchio d'aglio - Un trito di prezzemolo - Delle bacche di Schinus - Olio evo, sale e pepe qb. Sbollentare la salicornia per 5-7 minuti in acqua rigorosamente non salata, scolarla e risciacquarla (la salicornia si presenta assai salata di per sé); immergerla in acqua con ghiaccio per mantenere il colore verde intenso; mettere da parte. Tagliare in quattro i ciliegino, far andare in olio un esile trito di cipolla bianca ed aglio assieme ad un poco di prezzemolo tritato, versare quindi i ciliegino e le bacche rosa, cuocere per 15 minuti circa; aggiustare di sale e pepe. Spurgare le vongole veraci, farle aprire in padella, coperchiate, con olio, uno spicchio d'aglio ed un peperoncino; poco prima di spegnere la fiamma incorporare i gamberetti, quindi filtr