Vichyssoise con salmone affumicato, burrata e salsa ai camoni e basilico

 Per 4

- 450 gr. di patate a pasta gialla

- 350 gr. di porri

- 1\2 cipolla bianca

- 200 gr. di pomodori camone

- 3\4 foglie di basilico

- 100 ml. di panna fresca

- Del brodo

- Del burro

- 4 piccole burrate

- 120 gr. di salmone affumicato

- Dei semi di finocchio

- Della noce moscata

- Olio, sale e pepe qb.

Togliere il picciolo ai pomodorini con un coltellino (sceglierli di egual grandezza), praticare una incisione a "x" alla base di essi e sbollentarli; appena la pellicina comincerà a staccarsi dal segno praticato immergerli in una zuppiera colma di acqua fredda e ghiaccio, lasciarli in acqua per meno di 60 secondi; eliminare le bucce, quindi frullarli con il mixer ad immersione assieme al basilico, regolare di sale e pepe ed incorporare poco olio. Scartare la parte verde dei porri ed il primo strato, sbucciare la cipolla bianca e tagliarli sottilmente. Sbucciare le patate e ridurle a cubetti. Far andare per pochi minuti il porro e la cipolla in un tegame con del burro fuso, aggiungere le patate, coprire con del brodo vegetale, arricchire con dei semi di finocchio e della noce moscata: sobbollire a fiamma dolce per circa 30 minuti. Appena il tutto sarà intiepidito frullare a crema col mixer ad immersione, amalgamare la panna e regolare di sale e pepe. Tagliare sottilmente il salmone affumicato, passarlo per pochi secondi in una padella antiaderente unta con olio. Versare la vichyssoise tiepida nel piatto, nappare con le burratine intere, il salmone e la ristretta di camoni al basilico.

Vichyssoise con salmone affumicato, burrata e salsa ai camoni e basilico


Commenti

Post popolari in questo blog

Il Capitulare de villis: la quotidianità nella società agraria carolingia - Prima parte

Tra natura, cultura ed etno-antropologia. Il triangolo culinario di Claude Lévi-Strauss

Senso del gusto, cultura e pratiche gastronomiche tra Medioevo e Rinascimento