Crema di piselli al basilico e curcuma con bocconcini di farro decorticato al prezzemolo

 Per 4

- 1 kg e 300 gr. di piselli freschi in baccello

- 2\3 di porro

- 1 patata a pasta gialla di media grandezza

- 8 foglie di basilico

- Della curcuma

- Olio evo, sale e pepe qb.

- 800 ml. di brodo vegetale

Per i bocconcini:

- 150 gr. di farro decorticato

- 2 uova

- 3 cucchiai scarsi di pecorino toscano

- Del prezzemolo

- Sale e pepe qb.

Ammollare il farro decorticato per 6-8 ore, quindi lessarlo in acqua salata per circa 45 minuti, mettere da parte. Sbucciare la patata e tagliarla a cubetti, eliminare la parte verde del porro ed il suo primo strato, affettarlo finemente e dorarlo in una padella assai ampia, in olio, fino a renderlo morbido; aggiungere la patata e insaporire per pochi secondi, quindi porre i piselli sgusciati e le foglie di basilico fatte a pezzi; lasciar andare per poco, versare il brodo vegetale, coperchiando e cuocendo a fiamma media per 10 minuti. Ridurre le verdure in purea con un mixer ad immersione, aggiungendo dell'altro brodo per ottenere la giusta consistenza della crema; regolare di sale e pepe, incorporare la curcuma (il quantitativo a piacimento). Porre in un robot da cucina il farro cotto e tritarlo, assieme alle uova, al pecorino, al prezzemolo, aggiustando di sale e pepe: ottenere un composto assai omogeneo. Formare dei bocconcini (o polpettine) e passarle in un saltapasta con olio d'oliva, prestando attenzione a dorarli uniformemente. Disporre la crema di piselli e curcuma sul fondo del piatto e quindi i bocconcini di farro decorticato, imbellendo con un filo d'olio.

Crema di piselli al basilico e curcuma con bocconcini di farro al prezzemolo





Commenti

Post popolari in questo blog

Tra natura, cultura ed etno-antropologia. Il triangolo culinario di Claude Lévi-Strauss

Il Capitulare de villis: la quotidianità nella società agraria carolingia - Prima parte

Le roschette e la Livorno ebraica