Hamim speziato al coriandolo e zafferano con fagioli alla toscana

Per 4 persone.

- 450 gr. di carne macinata di vitellone 

- 1\2 cipolla bionda

- 1 e 1\2 spicchi d'aglio

- 300 gr. di pomodori pelati

- 350 gr. di cannellini secchi

- Del pepe nero in grani

- Della salvia

- 2 uova medie

- 2 cucchiai di parmigiano grattato

- 2 cucchiai di pangrattato

- Dei semi di coriandolo pestati

- Dello zafferano

- Del brodo di carne

- Olio evo, sale e pepe qb.

Ammollare per una notte intera i fagioli cannellini. In una fagioliera di terracotta temperata portare quasi a cottura i legumi (circa 45 minuti), sobbollendo a fiamma bassa, non salando e aggiungendo delle foglie di salvia, del pepe nero in grani ed uno spicchio d'aglio. Nel frattempo preparare un trito di cipolla e aglio, in parte servirà per l'hamim, successivamente: far andare in olio parte del battuto con una foglia di salvia, quindi versare i pelati cuocendo per una ventina di minuti la salsa. Eliminare gli odori dalla fagioliera con una spumarola, porre i fagioli nel sugo al pomodoro e portare a definitiva cottura, aggiustando di sale e pepe. In una ampia ciotola amalgamare la carne di vitellone, le uova, il parmigiano, il pangrattato, dello zafferano diluito e dei semi di coriandolo pestati, aggiungendo il trito d'aglio e cipolla avanzato; aggiustare di sale e pepe. La consistenza del polpettone dovrà essere tale da permettere la creazione della classica forma, utilizzare della carta da forno per richiuderlo più volte su sé stesso e sigillare "a caramella" ai lati con dello spago da cucina. Cuocere l'hamim in abbondante brodo di carne (va bene anche il dado) per 60 minuti, quindi togliere la carta forno, aspettare che giunga a temperatura ambiente ed affettarlo. Servire in una pirofila le fette di hamim con i fagioli tenuti in caldo nella loro salsa al pomodoro.

Hamim


Commenti

Post popolari in questo blog

Tra natura, cultura ed etno-antropologia. Il triangolo culinario di Claude Lévi-Strauss

Il Capitulare de villis: la quotidianità nella società agraria carolingia - Prima parte

Le roschette e la Livorno ebraica