Flan in bagnomaria ai cannellini, radicchio tardivo, ricotta, balsamico e curcuma

 Per 4 persone

- 130 gr. di fagioli cannellini già cotti

- 200 gr. di ricotta mista

- 180 gr. di radicchio tardivo

- 2 cucchiai di pecorino grattato

- 1 uovo

- 2 cucchiai di panna fresca

- 2\3 di scalogno

- Dell'aceto balsamico

- Della curcuma

- Olio evo, sale e pepe qb.

Tritare assai finemente il radicchio tardivo con lo scalogno, quindi farli andare velocemente sul fuoco, in padella, in poco olio. In un ampio recipiente mescolare i cannellini, la ricotta mista, il radicchio tardivo e lo scalogno, l'uovo, la panna fresca ed il pecorino grattato; aggiustare di sale e pepe. Oliare dei pirottini da forno con un pennello, quindi distribuirvi il tutto, livellando accuratamente. Versare dell'acqua in una pirofila da forno assai alta per 2\4 dell'altezza dei pirottini, quindi porli a galleggiare; accendere il forno a 180 gradi in modalità statica e lasciar cuocere per 45 minuti circa. Estrarre i flan dai pirottini appena saranno tiepidi, impiattare nappando con delle gocce di aceto balsamico e spolverando con della curcuma.

Per la cottura dei cannellini secchi utilizzare una pentola di terracotta temperata, dopo averli ammollati per 12 ore. L'acqua di cottura dovrà risultare circa 3 volte il volume dei legumi, aggiungere uno spicchio d'aglio, del pepe nero in grani ed una foglia d'alloro; portare a cottura per circa un'ora, sobbollendo a fiamma bassissima e salando unicamente al termine.

Flan ai cannellini, radicchio tardivo, ricotta, balsamico e curcuma




Commenti

Post popolari in questo blog

Tra natura, cultura ed etno-antropologia. Il triangolo culinario di Claude Lévi-Strauss

Il Capitulare de villis: la quotidianità nella società agraria carolingia - Prima parte

Le roschette e la Livorno ebraica