Busiate alle triglie, calamari, gamberi e datterini gialli della Piana del Sele

 Per 4 persone

- 400 gr. di busiate

- 2 calamari

- 200 gr. di gamberi

- 3 triglie di scoglio sfilettate

- 300 gr. di datterini gialli della Piana del Sele

- 2 spicchi d'aglio

- Del pepe nero in grani

- Del vino bianco

- 1\2 cipolla bionda

- Del prezzemolo

- Olio evo, sale e pepe qb.

Per il fumetto:

Ricavare teste e carapaci dai gamberi. Tritare finemente parte della cipolla ed uno spicchio d'aglio, soffriggerli in una padella con dell'olio, quindi porre gli scarti e far andare a fuoco vivace per poco, mescolando; aggiungere del vino bianco e far evaporare; versare abbondante acqua, del prezzemolo e del pepe nero in grani; abbassare un poco la fiamma e lasciar andare per circa un'ora, sobbollendo e schiumando, se necessario; filtrare in ultimo con un colino a maglie strettissime togliendo i rimasugli ed aggiustando di sale e pepe.

In una ampia padella far imbiondire, in olio, il trito rimanente di cipolla e poco meno di uno spicchio d'aglio, quindi versare i datterini gialli e lasciar cuocere per circa mezz'ora a fuoco medio, aggiungendo dell'acqua alla bisogna. Nel mentre pulire i calamari, lasciando la loro pelle e riducendoli a striscioline, eliminare il dente ed utilizzare pure i tentacoli; unire al sugo di datterini i filetti di triglia di scoglio, i gamberi precedentemente puliti ed i calamari: lasciar andare per 3-4 minuti a fuoco medio, rimestando, spegnere subito la fiamma ed aggiustare di sale e pepe. Attenzione alla cottura dei calamari: appena tendono ad arricciarsi toglierli dal calore, evitando che diventino gommosi se si prolungasse la cottura. Scolare la pasta al dente, unirla al sugo, saltandola, irrorando col fumetto precedentemente preparato. Servire subito.

Busiate alle triglie, calamari, gamberi e datterini gialli della Piana del Sele



Commenti

Post popolari in questo blog

Tra natura, cultura ed etno-antropologia. Il triangolo culinario di Claude Lévi-Strauss

Il Capitulare de villis: la quotidianità nella società agraria carolingia - Prima parte

Le roschette e la Livorno ebraica