Torta di farina di castagne, ricotta e cioccolata con chantilly

- 110 gr. di farina di castagne

- 130 gr. di farina 00

- 2 uova grandi

- 160 gr. di zucchero di canna

- 220 gr. di ricotta mista

- 40 gr. di olio evo

- 1 bustina di lievito vanigliato per dolci

- 1 e 1\2 cucchiai di zucchero semolato

- 70 gr. di gocce di cioccolato

- 1 bustina di vanillina 

- 1\2 limone, succo

- Del sale

Per la chantilly:

- Panna fresca liquida, circa 250 gr. (tenore in grassi almeno del 30%)

- 1\2 baccello di vaniglia, semi

- 40 gr. di zucchero a velo

Separare albumi e tuorli, quindi montare a spuma i rossi assieme allo zucchero di canna; inglobare poco per volta la ricotta continuando a sbattere. Porre quindi il sale, l'olio, la vanillina, il lievito, il succo di limone e le due farine, setacciandole rigorosamente, poco per volta; inglobare le gocce di cioccolato (una parte andrà a nappare il composto prima di metterlo in forno). Avendo già montato a neve ferma gli albumi con lo zucchero semolato, incorporarli al tutto con il classico movimento del mestolo dal basso verso l'alto. Oliare uno stampo assai ampio e versarvi il composto, imbellire la superficie con le gocce di cioccolato messe da parte. Cuocere in forno statico a 180 gradi per 35 - 40 minuti. Ovviamente la prova stecchino sarà rivelatrice.

Preparare la crema d'accompagnamento. Porre in freezer per circa 25 minuti la ciotola della planetaria, dovrà essere ben fredda, come del resto la panna. Versare quindi la panna nel recipiente e porvi anche i semini del baccello di vaniglia; avviare la planetaria a velocià medio-alta. Poco prima di aver raggiunto la consistenza giusta della montatura inglobare lo zucchero a velo, setacciandolo. Completare la lavorazione della panna con una velocità media: la chantilly dovrà risultare assai ferma nella sua consistenza. 

Torta di farina di castagne, ricotta e cioccolato



 

 

Commenti

Post popolari in questo blog

Le roschette e la Livorno ebraica

Le strutture del gusto in cucina: dalle invasioni barbariche alla Firenze medicea delle feste per San Lorenzo

Tra natura, cultura ed etno-antropologia. Il triangolo culinario di Claude Lévi-Strauss